ultimissime, twitterando in giro...

    follow me on Twitter

    domenica 31 agosto 2008

    Domani è settembre

    Giornata strana, ieri. Ho fatto un giro a Castagnole nel pomeriggio: la sera suonavano i Nomadi ma non mi sono fermata, volevo solo fare un po'di saluti. Mi sono ritrovata in un ambiente sconosciuto, poche facce note, pochissimi amici, una security che neanche gli u2, fans adoranti fatti appostare al ridosso dei marciapiedi per aprire un varco alle macchine dei Nomadi, tanto che ad un certo punto ho detto a uno dei miei amici che mi sembrava di dover accogliere il presidente della repubblica.. Senza neanche aspettare le prove me ne sono andata prima, pensando sorridendo ai "miei" concerti, dove quando arrivi e vedi un musico gli sorridi e lo saluti tranquillamente, e ti senti tra amici (e non gli butti le braccia al collo come ho visto fare ieri coi nomadi, che avranno mille difetti ma hanno un grado di sopportazione ammirevole..). E anche la sera ho pensato a quel mondo, mentre ero a cena col mio migliore amico e una sua nuova pseudo-compagnia. Si trovano il sabato, pizza, e poi via subito a casa, quasi questa pizza fosse un obbligo e basta. Conversazioni piatte e banali, mattatore un ometto insulso non solo di destra (amici cari di destra ne ho), ma proprio razzista ed ignorante. Rispondergli non mi andava e sarebbe stato comunque inutile, e allora meglio non ascoltare e pensare nel mentre che se queste sono le compagnie che mi son sempre mancate e ho tanto sognato, meglio forse stare a casa, e molto meglio le uscite sporadiche con Paolino che scompare per settimane ma c'è sempre, meglio le cioccolate calde con Eli, meglio la mia gente incontrata sotto un palco che rivedrò finalmente venerdì, perchè finalmente agosto è finito e si ricomincia a girovagare verso lidi più miei.

    13 commenti:

    1. ...molto meglio le uscite sporadiche con Paolino che scompare per settimane ma c'è sempre, meglio le cioccolate calde con Eli, meglio la mia gente incontrata sotto un palco che rivedrò finalmente venerdì...

      Gli amici, quelli veri, sono una "merce" talmente rara che io non la cambierei con nessun'altra cosa al mondo...

      RispondiElimina
    2. ad ognuno i propri luoghi, le proprie persone, le proprie facce. è bello così.

      RispondiElimina
    3. ti invidio un po' solo perchè io i "mattatori" di destra razzisti e ignoranti non riesco a lasciarli parlare, mi agito, mi incazzo e replico colpo su colpo senza lasciarne passare una, per finire col fare la figura del bambinone che la vuole vinta a tutti i costi e annoiare buona parte dei presenti che ormai sopportano, disgustati.

      figo il colore nuovo.

      RispondiElimina
    4. settimana prossima andrò ad un concerto dei nomadi, dopo quasi tre anni di assenza.
      Se questo è ciò che mi devo aspettare, mi viene già da vomitare...

      RispondiElimina
    5. non ho mai capito per quale motivo noi ci si debba obbligare a crearci delle compagnie per organizzarci delle uscite... che sia la paura della solitudine? un po' per una tendenza - che aumenta di giorno in giorno - all'orsitudine, un po' perché di serate gettate al vento ne ho già viste abbastanza, confesso di aver scelto anch'io la tua strategia: pochi (come i denti in bocca a certi vecchi, ma proprio perché pochi buoni fino in fondo...cantava Guccini) ma buoni. Un abbraccio!
      ps che tristezza l'aneddoto sui Nomadi...

      RispondiElimina
    6. ciao vale strano questo post in generei nomadi sono persone veramente alla mano
      un abbraccione stef
      www.comunicazionepolitica.splinder.com

      RispondiElimina
    7. La frase conclusiva del tuo post la sento un pò mia....

      Contrariamente a tante persone sono contenta sia arrivato settembre...:-)

      passo a ritrovarti..

      RispondiElimina
    8. Quante volte ripenso ai "nostri" concerti...e quando mi capita quello che è capitato a te a Castagnole...traggo le stesse conclusioni...

      Bacioni.

      RispondiElimina
    9. questi di destra ..
      ci massacreranno.
      robibandito

      RispondiElimina
    10. ciao..sono capitata qui per caso,dal sito di cisco(ascolti ottima musicaXD)...
      è molto strano quello che hai notato a castagnole..perchè...beh...io vado a molti concerti dei nomadi..e per me ..è sempre come ritrovare degli amici "quando vedi un musico gli sorridi e lo saluti"..ed anche ai concerti dei nomadi è sempre sempre così..un atmosfera fantastica,mai trovata da nessuna parte...e così è stato per anche a castagnole ...sono arrivati,scesi dalla macchina..saluti,sorrisi,...prove...e di nuovo sotto il palco per atri saluti....security?...mi sembra stranissimo...io mentre i nomadi arrivavano ero seduta dietro il palco...e chiacchieravo con lo staff^^...e la security proprio non l'ho vista..apparte il povero barba(un vecchiettino sardo dello staff tanto simpatico) che tentava di tenere a bada un ragazzino che faceva casino..
      ti consiglio di farci un salto a un concerto se ti va...è sempre un emozione...poi,vabbè..io parlo da patita=)=)...
      ...eh....detto tutto...
      buonanotte...un bellissimo blog comunque....

      RispondiElimina
    11. Io ho visto molti, ma molti concerti dei nomadi!
      proprio mooooolti!

      RispondiElimina

    "La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche un gesto o un’invenzione,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione."