ultimissime, twitterando in giro...

    follow me on Twitter

    domenica 28 dicembre 2008

    28 dicembre 1943


    E terra e acqua e vento,
    non c’era tempo per la paura
    nati sotto la stella
    quella più bella della pianura,
    avevano una falce
    e mani grandi da contadini
    e prima di dormire
    un padre nostro
    come da bambini.
    Sette figlioli sette
    di pane e miele
    a chi li do
    sette come le note
    una canzone gli canterò.
    E pioggia e neve e gelo
    e fola e fuoco insieme al vino
    e vanno via i pensieri,
    insieme al fumo su per il camino.
    Avevano un granaio,
    e il passo a tempo
    di chi sa ballare
    di chi per la vita
    prende il suo amore
    e lo sa portare.
    Sette fratelli sette
    di pane in miele,
    a chi li do
    non li darò alla guerra
    all’uomo nero non li darò.
    Nuvola lampo e tuono,
    non c’è perdono per quella notte
    che gli squadristi vennero
    e via li portarono coi calci e le botte.
    Avevano un saluto,
    e degli abbracci quello più forte
    avevano lo sguardo
    quello di chi va incontro alla sorte.
    Sette figlioli sette,
    sette fratelli
    a chi li do
    ci disse la pianura
    questi miei figli
    mai li scorderò.
    Sette uomini sette
    sette ferite
    e sette solchi
    ci disse la pianura
    i figli di Alcide
    non sono mai morti.
    In quella pianura,
    da Valle Re ai Campi Rossi
    noi ci passammo un giorno
    e in mezzo alla nebbia
    ci scoprimmo commossi.

    22 commenti:

    1. Bellissime parole. Un abbraccio cara e buona serata

      RispondiElimina
    2. Eso es: son mis hermanos, siempre lo serán...

      RispondiElimina
    3. ciao valeria,
      non ci conosciamo,
      ma sono capitata spesso nel tuo blog e mi piace come scrivi!
      per questo ho pensato di farti un regalo, vieni a ritirarlo nel mio blog!
      auguri e buona giornata!
      ti abbraccio :)

      RispondiElimina
    4. Quante emozioni questa canzone..quante emozioni quel disco!
      Complimenti come sempre e...
      Auguri di un felice 2009, che sia colmo di soddisfazioni.
      Ti abbraccio,
      Peppe Somma.

      RispondiElimina
    5. Bellissime parole davvero,
      ma è una canzone mi fai sapere di chi e il titolo?mi piacerebbe ascoltarla.


      ciao
      Yubal

      RispondiElimina
    6. Non posso non lasciare un commento sul blog di una persona che ricorda i 7 fratelli cervi con la stupenda canzone della GANG dei fratelli Severini (tra l'altro miei ottimi amici)!
      Sia il tuo 2009 ricco di pace e grandi soddisfazioni!
      dogzilla & 4 dogs records staff

      RispondiElimina
    7. ciao! è nato il nuovo forum di STREETBOOK su http://streetbook.forum-attivo.com
      registrati al forum alla voce 'registrer' e partecipa alle discussioni rispondendo ai vari argomenti! inoltre, tieniti in contatto con gli utenti iscritti!
      ti aspettiamo! :D

      RispondiElimina
    8. Ciao vale, semplicemente stupenda questa canzone!

      RispondiElimina
    9. Ciao...
      ti ho assegnato un premio...perchè sembra fatto apposta perchè lo meriti davvero

      RispondiElimina
    10. Se penso che questa stupenda canzone dedicata ai 7 Fratelli Cervi qualcuno l'ha dedicata alla suocera.........mi mangerei le mani.

      RispondiElimina
    11. Davvero una grande emozione. Grazie Valeria per questo ricordo. Un abbraccio.

      RispondiElimina
    12. Abito a pochi chilometri e i 7 fratelli Cervi li porto nel cuore.

      RispondiElimina

    "La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche un gesto o un’invenzione,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione."