ultimissime, twitterando in giro...

    follow me on Twitter

    giovedì 19 marzo 2009

    Momento di tristezza, vi avverto

    Che poi hanno un bel dire che bisogna cercare di essere contenti, nonostantre tutto. Accontentarsi. Non hai l'amore? non pensarci. Hai pochi amici? pochi ma buoni. Ti senti sola ed immobile? di che ti lamenti, almeno ora lavori. Ma quando hai male, e hai male la metà dei giorni, e non sai perchè, non trovi le parole per spiegare a medici perplessi cos'hai, sai solo che non ce la fai più, allora la felicità passa in secondo piano, e ti vien quasi da dire massì, chissenefrega dell'uomo, toglietemi almeno il male, almeno le belle serate con gli amici te le puoi godere, puoi programmarti la tua vita un po'irreale senza pensare a se starai male o no, e ogni sera domandi il miracolo a qualche Dio, santo o morto che ti fu amico, e speri di non aver male almeno la prossima volta che vai a un concerto, o a trovare qualche amico. Qualcuno si sveglia?

    29 commenti:

    1. non e' facile agiungere tanto
      le parole di conforto sono inutili
      ma la mia presenza no, non e' inutile
      come quella dei tuoi amici, reali e virtuali
      un abbraccio stella
      forte forte
      saba

      RispondiElimina
    2. Io ti lascio un abbraccio. Virtuale certo ma non meno intenso.

      RispondiElimina
    3. "Qualche Dio, santo o morto che ti fu amico" è un'espressione molto poetica.

      RispondiElimina
    4. non posso che donarti il mio affetto ma in questi momenti mi rendo conto che serve a poco....

      RispondiElimina
    5. un abbraccio di conforto è il minimo che ti posso mandare.

      quali concerti hai in mente di vedere in queste settimane?

      RispondiElimina
    6. Hey sorellina....ma che dici?
      non posso sentirti parlare così, sento male pure io.
      Fra un paio d'ore sarò in studio di registrazione, suonerò e canterò pure per te...magari capiterà che assisterai ad un mio concerto se gira bene...se così fosse ti vorrei dietro le quinte.
      Un abbraccio The Riff.

      RispondiElimina
    7. Chissá quanti predicatori, pseudoparapsicologi, terapisti e gente qualificata e inqualificabile troverebbe, a vario titolo, varie cose da dire, da dirti.
      Io ho solo un abbraccio, e per di piú virtuale, che non serve a niente, lo so.
      Non sono dio, per fortuna.
      E gli occhi del cuore mi restano aperti.

      RispondiElimina
    8. Mi spiace tantissimo non saprei che altro aggiungere.

      RispondiElimina
    9. L'unica cosa sulla quale concordo è "amici pochi ma buoni".
      Questa è una verità sacrosanta. Gli amici veri sono rari, anzi rarissimi. Gli altri possono essere catalogati solo alla voce "conoscenze".
      Mi spiace che stai così; spero ti passi in fretta.
      Da questo mondo virtuale non posso far molto per aiutarti, però sentimi vicina...

      RispondiElimina
    10. Non ho soluzioni, risposte o pozioni magiche. Veramente visto lo stato fisico non ho neanche molta forza ma abbastanza per mandarti un mega abbraccio e sperare che svanisca presto questo malessere.

      RispondiElimina
    11. avessi soluzioni o formule magiche ti arriverebbero subito. purtroppo ho solo amicizia e un augurio che tutto passi.
      un abbraccio

      RispondiElimina
    12. Che il dolore se ne vada, che ti lasci in pace, che fugga lontano dalla tua esistenza.
      Un abbraccio.

      RispondiElimina
    13. Colpisci dritto al cuore cara stellavale.
      Mi togli il fiato, vorrei poterti dire che capisco il dolore, che lo faccio mio, ma non sarebbe giusto.
      Sò che sarai tu a doverlo vivere, ad attenderlo, a parlargli.
      Questa notte nel dire il mio ciao a Gesù, gli parlerò un po di te, di quanto sei brava a far sorridere, del tuo amore per la vita, della voglia di lottare per le cose che ritieni giuste, e dei pesi che porti comunque.

      Notte bella.

      RispondiElimina
    14. certo che siamo prorpio una razza cretina... spariamo ai cani randagi e diciamo che il preservativo non protegge dall'aids...
      mi vergogno profondamente.

      RispondiElimina
    15. non basta solo pensare di poter star meglio di quacun'altro, o che tutto possa scivolare facilmente come niente. ma di certo, il calore di quattro amici buoni, un respiro affannoso in meno durante il giorno, rendono tutto più sopportabile..e piano piano migliore..mai smettere di crederci mai. per quanto 'banale' sia..
      perchè niente ci è dovuto e nient potremmo anche non avere. quindi, quello che abbiamo, che sia poco o poco importante, teniamocelo stretto. non è da poco...

      RispondiElimina
    16. Il mio post di stasera è anche per te.

      RispondiElimina
    17. Ognuno nel suo piccolo spera in un piccolo risveglio...

      ti abbraccio

      RispondiElimina
    18. ciaooo! amo la musica, senza non vivrei! amo i colori e sono triste, la mia vita è tutta una contraddizione!
      forza, lo dico sempre a tutti!anche a te!

      RispondiElimina
    19. E' una situazione dura la tua, e capisco che a volte il tuo coraggio e la tua forza tendano a scemare perché stanca di quello che vivi.

      Ma, per quel che può valere, tu hai una vita vera (l'amore non ce l'hanno moltissimi nel mondo e non vuol dire che tu non lo possa trovare e lo dico perché lo penso e non tanto per dire) e devi essere tu a decidere se vale la pena viverla o arrendersi e vegetarla. Tu mi sembri una combattiva ed ho pertanto la presunzione di conoscere la risposta a questa scelta... :-)))

      Un bacio
      Daniele

      RispondiElimina
    20. Non conosco il dolore fisico, in questo sono stata molto fortunata, e non ho parole, perle di saggezze, anedotti divertenti da dispensare per illuderti di stare meglio...
      Posso dirti di vero cuore che io ci sono, virtualmente lo so, ma quando vuoi io ci sono, sai come contattarmi...per me è un onore averti incrociata qui sulla via virtuale, e non lo dico tanto per dire, non è facile andare avanti con la testa alta e non china come alcuni vorrebbero...
      Un grosso abbraccio

      RispondiElimina
    21. Momento di tristezza comune,carissima.Anch'io sono così e anch'io vivo così,ma sempre più spesso mi sento accusare dalla gente che ho intorno di lamentarmi troppo o di non avere abbastanza le "palle" per potere risolvermi le situazioni...non so...ma a quanto pare questo è un pò un male comune!

      RispondiElimina
    22. Ti prego, non arrenderti perchè, quando meno te lo aspetti, può capitare che le situazioni cambino decisamente in positivo. Non ci speravo, ma a me è sorprendentemente successo!
      Il primo sogno, quello di lavorare fuori casa, si è realizzato, adesso spero di tutto cuore che tu possa star meglio fisicamente. Un bacione

      RispondiElimina
    23. Passo per dirti che ti penso e che spero tanto tu stia meglio...

      Un bacetto, a presto!

      RispondiElimina
    24. Io inizio ad avere seri problemi per la casa.Ti capisco, ma credo che tu lo sappia.:***

      RispondiElimina
    25. chi può comprendere,sa che che ci sono giorni nei quali il dolore fluisce da molte porte perchè non sempre si deve sopportare col sorriso ,chi ti ama lo sa e ti sta accanto con affetto,rispetto e regalandoti i sorrisi che in quel momento tu non puoi dare ma puoi ricevere e tenerli con te nel cuore.
      ti abbraccio;-)

      RispondiElimina
    26. CANTO NOTTURNO DEI NAVAJO

      A Tsegihi,
      nella casa fatta d'alba,
      nella casa fatta della luce della sera,
      nella casa fatta della nube più scura,
      nella casa fatta di pioggia,
      nella casa fatta di fitta nebbia,
      nella casa fatta del polline che porta frutti,
      nella casa fatta di cavallette,
      dove l'oscurità delle nubi vela la porta,
      dove sull'arcobaleno la via conduce a Te,
      dove la traccia a zigzag del fulmine sta in alto,
      O Divinità!
      Nei tuoi mocassini di scura nube, vieni a noi,
      accompagnato dal tuono sopra di Te, vieni a noi,
      nubi di pioggia sotto i piedi,
      l'arcobaleno sopra di Te, vieni a noi,
      Circondato dai guizzi dei fulmini.
      Io ho preparato un'offerta per Te,
      io Ti offro il fumo del mio fuoco.
      Dona nuova forza ai miei piedi.
      Dona nuova forza alle mie gambe.
      Dona nuova forza al mio corpo.
      Rinnova il mio spirito.
      Prendi la malattia da me.
      Tu l'hai presa da me,
      molto lontano da me Tu l'hai portata.
      Colmo di gioia io sento
      come la mia forza ritorna,
      i miei occhi non sono più cupi,
      la mia mente é chiara,
      posso di nuovo utilizzare le mie membra.
      Tu hai preso da me la malattia
      ed io posso di nuovo camminare.
      Possa io camminare senza dolori.
      Possa io camminare felice.
      Com'era prima, possa io camminare.
      Possa io camminare lieto sotto la nube di pioggia.
      Possa io camminare gioioso nella pioggia rinfrescante.
      Possa io camminare sul sentiero del polline che dona la vita.
      Possa io camminare colmo di gioia.
      Come prima io desidero camminare.
      Bellezza sia davanti a me.
      Bellezza sia dietro a me.
      Bellezza sia sopra di me.
      Bellezza sia sotto di me.
      Bellezza sia intorno a me.
      In bellezza è compiuto.

      Che questo canto t'abbracci in ogni tuo momento di sofferenza.

      RispondiElimina

    "La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche un gesto o un’invenzione,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione."