ultimissime, twitterando in giro...

    follow me on Twitter

    martedì 14 aprile 2009

    Problemi di prima mattina

    Oggi che mi sono svegliata con molta fatica, dopo giornate faticosissime, già sommersa di problemi alle 7,30, col piede che imperterrito fa male, mi ha quasi fatto ridere la ragazza che mi aiuta la mattina che, in ritardo, mi ha detto che si era dimenticata di avvisarmi che non veniva perchè ieri è rientrata tardissimo, verso l'una o le due. Se penso che io non spengo mai la luce prima dell'1, l'1,30, e che spesso ho avuto male tutto il giorno, mi viene quanto meno da pensare che sono più forte di quello che penso. O è lei che è un po'deboluccia? A malincuore propendo per la seconda, e intanto penso se prendere ferie visto che domenica sono ad Asti a vedere i Giuradei. Ma no, che prima delle 3 torno sicuro.

    16 commenti:

    1. è lei che è "deboluccia"...quelli come noi di problemi non se ne fanno...ti ho detto di venerdì?
      Io ho un panificio e lavoro dalla una di notte al mattino..bene, venerdì alle 8.00 di sera ero già in piedi e stavo cenando a casa. Non sono neppure passato dalla stanza e sono andato a lavoro(una giornataccia "pane triplo" per il ponte di pasqua...), ho finito di lavorare a mezzo giorno...sono passato dalla biglietteria dell'Iper di monza, doccia a casa+ pranzo e poi di corsa all stadio per Monza-Cesena. A fine partita breve puntata a casa, altra doccia(perchè dopo lo stadio i cori e quant'altro puzzo da far schifo...) e fuori di nuovo con Sarah fino a sera... il letto mi ha visto alle undici di sabato(un pò prestino ma mi pare di aver avuto una buona giustificazione)
      Non mollare cara, the Riff.

      RispondiElimina
    2. Un pò deboluccia credo.

      Buone ferie e forza, tornare prima delle 3 è illegale :-P

      RispondiElimina
    3. Ferie? Latua amica avrebbe preso direttamente aspettativa :-D

      RispondiElimina
    4. Devi temprarla a certi ritmi e orari :-)

      RispondiElimina
    5. Beh, speriamo che la tua assistente sia piú puntuale negli altri giorni...
      Ferie, malattia, permesso retribuito,,, se vai a curarti l'anima ad Asti, un giorno di riposo per riassaporarlo ci sta tutto ;)

      RispondiElimina
    6. Non è lei che è deboluccia. Lei è normale. E sai che cosa intendo per "normale". Non è matta. Come te, come me, come il nostro mondo.
      Ti mando un bacione e spero di vederti presto, concerti e trasferte del 25 aprile permettendo ;-)

      RispondiElimina
    7. Eh, magari lei è abituata ad andare a nanna presto, per una nottambula come te il rientro delle 3 è normale routine :P
      Ciaoo

      RispondiElimina
    8. deboluccia deboluccia sì.
      poi tu sei supergirl!
      e meno male!

      RispondiElimina
    9. Come dice pietro. Devi farle prendere il tuo ritmo. Come tutto dalla vita. E' la vita che prende il passo tuo, non dovrebbe mai essere il contrario. Sbaglio?

      RispondiElimina
    10. Sì propendo per il deboluccia ma anche tu sei una roccia tienine conto :-)))

      RispondiElimina
    11. Non buttarti giù.
      Lei forse sarà deboluccia, ma tu sei forte...

      RispondiElimina
    12. la seconda può essere...ma io opterei per la prima... ciao Vale!

      RispondiElimina
    13. Un passaggio veloce, solo per un saluto, forte stellavale!

      RispondiElimina
    14. Oh ma che è una educanda???
      :-)

      Io proporrei una full immersion: strapazzala un pò, portala in giro per concerti, musica a palla, e cosi' via...
      Se resiste rinasce...

      :-)

      RispondiElimina
    15. deboluccia la ragazza! ti tocca farle coraggio!

      RispondiElimina

    "La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche un gesto o un’invenzione,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione."