ultimissime, twitterando in giro...

    follow me on Twitter

    mercoledì 21 gennaio 2009

    Parole che vorrei sentire anche in Italia. Obama's day, Happy day..

    Quanto alla nostra difesa comune, noi respingiamo come falsa la scelta tra sicurezza e ideali. I nostri Padri Fondatori, messi di fronte a pericoli che noi a mala pena riusciamo a immaginare, hanno stilato una carta che garantisca l'autorità della legge e i diritti dell'individuo, una carta che si è espansa con il sangue delle generazioni. Quegli ideali illuminano ancora il mondo, e noi non vi rinunceremo in nome di qualche espediente. E così, per tutti i popoli e i governi che ci guardano oggi, dalle più grandi capitali al piccolo villaggio dove è nato mio padre: sappiate che l'America è amica di ogni nazione e di ogni uomo, donna e bambino che sia alla ricerca di un futuro di pace e dignità, e che noi siamo pronti ad aprire la strada ancora una volta. [...]
    Noi siamo una nazione di cristiani e musulmani, ebrei e induisti e non credenti. Noi siamo formati da ciascun linguaggio e cultura disegnata in ogni angolo di questa Terra; e poiché abbiamo assaggiato l'amaro sapore della Guerra civile e della segregazione razziale e siamo emersi da quell'oscuro capitolo più forti e più uniti, noi non possiamo far altro che credere che i vecchi odi prima o poi passeranno, che le linee tribali saranno presto dissolte, che se il mondo si è rimpicciolito, la nostra comune umanità dovrà riscoprire se stessa; e che l'America deve giocare il suo ruolo nel far entrare il mondo in una nuova era di pace. [...]
    Alla gente delle nazioni povere, noi promettiamo di lavorare insieme per far fiorire le vostre campagne e per pulire i vostri corsi d'acqua; per nutrire i corpi e le menti affamate. E a quelle nazioni, come la nostra. che godono di una relativa ricchezza, noi diciamo che non si può più sopportare l'indifferenza verso chi soffre fuori dai nostri confini; né noi possiamo continuare a consumare le risorse del mondo senza considerare gli effetti. Perché il mondo è cambiato e noi dobbiamo cambiare con esso. [...]
    Per tanto che un governo possa e debba fare, alla fine è sulla fede e la determinazione del popolo americano che questa nazione si fonda. E' la gentilezza nell'accogliere uno straniero quando gli argini si rompono, la generosità dei lavoratori che preferiscono tagliare il proprio orario di lavoro piuttosto che vedere un amico perdere il posto, che ci hanno guidato nei nostri momenti più oscuri. E' il coraggio dei vigili del fuoco nel precipitarsi in una scala invasa dal fumo, ma anche la volontà di un genitore di nutrire il proprio figlio, che alla fine decidono del nostro destino. [...]
    Quel che ci viene chiesto è una nuova era di responsabilità - il riconoscimento, da parte di ogni americano, che abbiamo un dovere verso noi stessi, la nostra nazione, il mondo, doveri che non dobbiamo accettare mugugnando ma abbracciare con gioia, fermi nella consapevolezza che non c'è nulla di più soddisfacente per lo spirito, così importante per la definizione del carattere, che darsi completamente per una causa difficile. [...]
    Questo è il significato della nostra libertà e del nostro credo - perché uomini, donne e bambini di ogni razza e di ogni fede possono unirsi nella festa in questo Mall magnifico, e perché un uomo il cui padre meno di sessanta anni fa non avrebbe neanche potuto essere servito in un ristorante ora può trovarsi di fronte a voi per pronunciare il giuramento più sacro di tutti.


    29 commenti:

    1. Siamo un paese democratico fondato sul lavoro berlusconiano..altra America..

      RispondiElimina
    2. Ha proposto un discorso molto intelligente e vero Obama, ma in Italia non avrebbe lo stesso effetto.

      Buon mercoledì!

      RispondiElimina
    3. Ogni paese é un'altra cosa, rispetto all'italia... per fortuna loro.
      In generale, peró, il discorso di obama mi é sembrato molto timido, attento a non lasciar trasparire promesse che é molto difficile che possa mantenere.
      Sai, finora é LUI il vero messaggio alla nazione, al mondo, ma presto non potrá piú contare solo sul sogno ideale e sull'immagine.

      RispondiElimina
    4. Noi la democrazia non sappiamo manco cosa sia.Il nostro governo ha qualcosa di assai poco vagamente fascista.E' una casta chiusa fatta di figa e pensionati.

      Un presidente giovane nero e democratico.Era ora.E',almeno spero,il primo segnale tangibile dell'uguaglianza tra gli uomini.

      Un sorriso.Antonia.

      RispondiElimina
    5. In Italia lo metterebbero in manicomio uno che fa certi discorsi :-(

      RispondiElimina
    6. Ormai non ci resta che sperare in Obama! Io ho seguito la sua campagna elettorale e la sua elezione con grande partecipazione emotiva.Quella notte sono restata incollata alla televisione, convinta che avrei seguito un evento storico in diretta ed ho vissuto le stesse emozioni, se non di più, di quando, da bambina, mi innamorai di Kennedy. Anche ieri ho provato grande commozione ed ho trovato il suo discorso bellissimo.E' l'unico che mi infonda un po' di speranza mentre quando sento parlare Berlusconi che, al sicuro con i suoi miliardi, cerca di minimizzare la crisi tremenda che stiamo vivendo, con quel suo ottimismo irritante, provo tanta rabbia. God bless Obama!

      RispondiElimina
    7. credo alle parole quando le parole seguono i fatti. e non viceversa. in bocca al lupo.

      RispondiElimina
    8. Mi sono commossa durante il discorso di Obama...

      Partecipi al mio concorso di poesie?

      RispondiElimina
    9. Se guardando Obama pensiamo alla situazione del nostro paese non possiamo fare altro che deprimerci. Chissà se ci sarà un Obama anche per noi in futuro.

      RispondiElimina
    10. @Antonia: "una casta chiusa fatta di figa e pensionati" non è niente male! Mi hai fatto sorridere.
      Eh, qui da noi in Sudamerica (come, non siamo in Sudamerica?) c'è ancora tanto da fare.

      RispondiElimina
    11. la differenza è che in italia magari le dicono pure queste cose, però neppure loro ci credono, conta in massima parte LA POLTRONA. l'italia è un paese in cui si pensa al proprio "particulare", non c'è il senso della democrazia...

      RispondiElimina
    12. Sono contento per la vittoria di Obama, anche e non solo perché afroamericano, ritengo che sia una persona molto valida, tuttavia sono d'accordo con Vagamundo e penso anche che in certi ambienti ci siano troppe aspettative: spero di sbagliarmi ma non penso che una nuova concezione della vita con al centro l'uomo e i valori di giustizia scalzerà l'altra visione, quella con il business al centro dell'universo.
      Ripeto, spero di sbagliarmi. Ciao.

      RispondiElimina
    13. io timidamente spero, ma ben sapendo che gli usa rimangono gli usa e che obama non e' un supereroe. e che, insomma, meglio di bush anche paolino paperino.. pero' va bene, speriamo, sperare ogni tanto fa bene. abbraccio vale :)

      RispondiElimina
    14. Speriamo che alle parole seguano i fatti.
      Io sono fiduciosa.....
      Ciao!:)

      RispondiElimina
    15. io personalmente non credo affatto nella politica. per me sono solo tutti ricconi approfittatori. ma credo nella buona volontà di chi vuole fare davvero qualcosa, di chi vuole dare voce al popolo, stargli vicino e camminarci accanto. senza maestosità o puzza sotto il naso. e bhè, questi buoni propositi Obama sembra averceli tutti. ma staremo a vedere..! siamo fiduciosi!

      RispondiElimina
    16. L'ultima frase di Obama mi pare molto efficace, quella sul padre e sui sessant'anni fa. Per il resto aspetto di vedere cosa farà. Ciao.

      RispondiElimina
    17. Un discorso degno dei suoi progetti e spero che davvero possa fare la differenza.

      RispondiElimina
    18. lo sentira voglio aver fiducia in un mondo migliore ciao

      RispondiElimina
    19. Vorrei tanto che l'Europa prenda l'esempio di questo magnifico UOMO! Vorrei tanto che il nostro Presidente di Governo cambi idea e che si senti veramente diverso da tutti gli altri.
      Penso sempre più spesso che l'unica via di uscita sarebbe quella di emigrare come i nostri nonni hanno fatto, penso sempre più che la storia si stia ripetendo, penso troppo... penso spesso... ma penso sempre quello che pensano in molti.
      Tutto questo malcontento porta solo tanto sconforto, quello sconforto che non da forza, non cede pietà a nessuno, quello che qui in Italia sta diventando parte del nostro carattere.
      Potremmo scendere in piazza in pochi, ma non servirebbe a nulla, scendere in tanti ed uniti potrebbe cambiare qualcosa, una goccia in mezzo al mare!

      RispondiElimina
    20. Deve per forza andare meglio....

      Questa mattina "fresca" di sabato, passo di qua semplicemente per salutarti. Un giro tra i miei nuovi amici. Grazie e Buon weekend!
      Un abbraccio
      Saba

      RispondiElimina
    21. Senza dubbio splendide parole ma io aspetto i fatti! La situazione non è così facile...

      Ciao!

      RispondiElimina
    22. ma purtroppo in Italia ancora sono parole che nessun pronuncia...

      RispondiElimina
    23. ma come non credi nella politica, vale? tu sei una incarnazione della politica, fai politica todo los dias :))

      RispondiElimina

    "La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche un gesto o un’invenzione,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione."